Monteverdi: l’amore come visione

L’amore che ci fa una sola cosa con la persona amata ci porta sempre al di là dell’io, in un sogno di pace e di eternità che non ha fine. Godiamoci questo madrigale come una perfetta meditazione, come un grande dono.


 

Testo di Giovanni Battista Guarini (1538-1612) , da Il Pastor Fido, Act III, Scene 4, lines 548-555.

Che se tu se’ ‘l cor mio,
come se’ pur mal grado
del cielo e della terra,
qualor piagni e sospiri,
quelle lagrime tue sono il mio sangue,
que’ sospiri il mio spirto e quelle pene
e quel dolor, che senti,
son miei, non tuoi, tormenti.

Commenti

  1. Andrea Vitolo dice:

    Bello, Bello e Bello!!!

    letta

  2. Gabriella dice:

    Quando penso a cosa augurare ai miei figli…. non ho dubbi, di avere un amore vero e per sempre, con cui condividere gioe, emozioni e….tormenti. Non c’è tesoro più grande!
    letta

Lascia un commento