UN UOMO UN MAESTRO UN . . .

L’ultima riunione di redazione “Darsi Pace.it” ha definitivamente sbriciolato le mie remore sull’iniziare o meno un viaggio che sinceramente non so dove mi – ci porterà.
Dico ci perché il mio auspicio è di ritrovarmi in buona compagnia .

Dicevo dell’ultima riunione , proprio li mi sono sentito tutto il peso del fare il mio post,
“è il mio turno quindi……”
Dentro di me però sentivo qualcosa di stonato      ed ecco finalmente a fuoco tutto .

Ci sono momenti in cui scrivere mi libera completamente dalla presenza di pensieri che altrimenti continuano ad agitarsi nella mia mente tornando continuamente in primo piano ed ora che mi si presenta l’opportunità di vivere fino in fondo la possibilità di condividerli perché mi sento bloccato???

VERGOGNA?       PAURA?       INSICUREZZA?

Tutti e tre ma . . . . . . un bel respiro e . . . .    VIA

 

Ciò che vorrei mettere al centro sono i pensieri che si riferiscono alla mia fede o meglio a quello che io penso questa sia .
E’ si perché più vado avanti più mi accorgo delle mie incongruenze, delle mie incapacità .

Molti sono gli uomini che hanno contribuito allo sviluppo umano ma Uno in particolare li sintetizza tutti sovrastandoli ed integrandoli , portando a compimento e dirigendo la sinfonia nella quale loro rappresentano solo un singolo strumento ; parlo di GESU’ il Nazareno .

Quante domande , quanti misteri.

La Parola di oggi “MC. 6 ,7-13 “ è la missione dei dodici , inizia concretamente l’apprendistato.
Gli apostoli ormai da tempo vivono assieme a Gesù ed hanno abbandonato tutto per stare con lui ( quale forza si sprigiona da quest’uomo!! ) , hanno visto, ascoltato , provato e condiviso con lui tante esperienze, segni prodigiosi, spiegazioni pubbliche e private, preghiere e tentativi di linciaggio ecco ormai giunto il momento della prova sul campo.
Vengono prima arricchiti del “ potere sugli spiriti immondi “ poi spogliati materialmente, restano solo con sandali e tunica, infine istruiti ed inviati in coppia a testimoniare con parole ed opere.

Niente di più adatto per iniziare questo viaggio no!!!

In contemporanea nella mia parrocchia “ S. Frumenzio “ stiamo vivendo la settimana formativa 2009            il tema ???

“Alla ricerca del volto” fascino e mistero di Gesù oggi.          Ma guarda il caso .

A questo punto eccoci di fronte alla fede uno stato d’animo con enormi potenzialità trans-formative che richiedono una sola condizione: l’umiltà .

Ma       chi ce la insegna ????????????

 

Vi aspetto al traguardo della prima tappa, con il prossimo post arriveremo alla seconda.


Commenti

  1. marcoguzzi dice:

    Bene, carissimo Alessandro, ti seguiremo in questo viaggio.
    Che si fa anche scrittura.
    Scrivere non significa trasporre su carta o al pc pensieri che già sono in noi.
    Se fosse così sarebbe in fondo un’attività secondaria, di secondo livello.
    Ma ciò non spiegherebbe come mai le Scritture siano all’origine delle civiltà, ne siano il fondamento, l’inizio ispirato.

    Scrivere sul serio significa invece far nascere, far accadere, fare spazio ad un evento inaugurale.
    In tal senso questo sito vorrebbe essere anche un altro luogo di nascita, in cui provare con grande libertà a pensare scrivendo, e così a precisarci dialogando tra di noi.

    letta

  2. giovanna dice:

    Grazie Alessandro per aver voluto con semplicità condividere con noi i tuoi pensieri, superando tutte le resistenze che ne bloccano il fluire immediato e spontaneo.

    E i pensieri ‘divenuti’, fatti esperienza, intorno alla fede sono quelli che anch’io vorrei riuscire a condividere, con spontaneità e semplicità, mentre accadono.

    Ti seguirò in questo viaggio.
    Un abbraccio. giovanna
    letta

  3. Alessandro Ciarella dice:

    Marco ,sono daccordo con te ed è per questo che parlo di viaggio.
    Quando la penna segue lo Spirito ecco nascere ciò che forse potevamo solo sperare ma io, nella mia povertà, al momento posso dar voce solo alle mie difficoltà.
    L’inserimento della Parola nasce dall’esigenza di condividere con voi le sensazioni che suscita.
    E questo brano mi sconquassa …….. Vedo uomini che mollano tutto ed io ? Non riesco nemmeno a trovare il tempo per la meditazione Sigh

    letta

  4. Caro Alessandro,
    il video e le parole del tuo post mi scendono nell’anima, commovendomi come quelle di Merton, anche se mi prendono in altro modo.
    Di solito sono prolissa ma la commozione un poco mi contiene, vorrei solo soffermarmi sull’ultima domanda: “chi ci insegna l’umiltà?”
    LA VITA.
    Non c’è altro maestro. Cerco di spiegarmi: il desiderio, LA PASSIONE di trovare e conoscere, sono l’essenziale. L’altro punto di vista è quasi, ripeto, quasi un inganno. Può portarti fuori strada.
    Io ho il gusto della leggerezza nell’apprendere, spero che quello che riporto di seguito non ti dispiaccia.
    Scritto da un poeta Sufi
    Un uomo bussò alla porta dell’amico:
    -Chi è là?
    -Io
    -Non c’è posto per due
    L’uomo ritornò dopo un anno di solitudine
    -Chi è là?
    -Tu o Amato
    -Poiché sono io, che io entri
    Non c’è posto per due in un’unica casa.

    Ciao A presto Ro
    letta

  5. Caro Alessandro, grazie per il tuo aiuto alla fatica di dire il nome e di dire chi è per noi, per me, quel nome.
    Quel nome mi riporta a me, come bene spiega anche il racconto sufi.
    E quando ripartiamo da noi stessi, non possiamo troppo sbagliare, se siamo onesti e sufficientemente umili. C’è tanto da lavorare.
    Ma la fede è qualcosa di più: una follia sovraumana, qualcosa che sovverte le leggi della materia. E’ l’"orizzonte degli eventi", qualcosa di affascinante e misterioso, di cui si parla verso la fine del video sulla Sindone. Sulla superficie dei buchi neri, se ho capito bene, c’è questo "orizzonte degli eventi", che si chiama così perché in esso le leggi della fisica subiscono delle modifiche drastiche. Se Gesù non è risorto, se Gesù non è vivo in me, in noi, nelle nostre storie, a redimere i nostri ‘buchi neri’, a salvarci dai nostri inferni, non vedo molte prospettive. Preghiamo per essere sempre pronti, con tutti i nostri limiti, ad accogliere questo evento, questo orizzonte di liberazione. Con affetto. Paola
    letta

  6. Gabriella dice:

    Caro Alessandro comprendo in pieno quando dici che, a volte, hai dei blocchi nello scrivere, per me è lo stesso, per questo ho vigliaccamente evitato di far parte delle redazione del sito in modo stabile (anche se qualche piccolo contributo lo do) e colgo l’occasione per abbracciarvi tutti voi della redazione, che siete l’anima davvero di questo sito………….compreso Andrea che ne cura i dettagli tecnici.
    Avendo partecipato ad alcune vostre riunioni so quanta passione ci mettete e quanto non è sempre facile per ognuno di voi cogliere l’argomento che possa trasmettere sensazioni, sentimenti e dare! Perchè questo è il vostro (e quindi anche nostro) intento, dare pace! E con umiltà, appunto.

    Pertanto non dobbiamo preoccuparci di esporci se dentro di noi crediamo in questo percorso, ben vengano gli sbagli purchè come dice Marco G. si possa pensare scrivendo! Grazie a tutti Gabriella
    letta

Lascia un commento