Fabio: la storia di un ragazzo

Commenti

  1. Gabriella S. dice:

    Credo fermamente che dalla nostra Fonte Spirituale arrivino segni ogni giorno, messaggi da dover cogliere per rinascere o meglio ricominciare…….visto che non si finisce mai!
    Stamane non sono riuscita ad andare al lavoro, è un periodo che non sono in forma.. qualche dolore cervicale, vertigini, e altri piccoli disturbi. Già contrariata da tutto ciò, ho acceso svogliatamente il computer.
    Accedendo al Web mi appare direttamente il sito Darsi Pace ed ecco che mi trovo sul video il viso di Fabio: fare clic sulla sua immagine è stato facile, ascoltare la sua bellissima testimonianza è stato commovente!
    E’ vero, come dice Paola, la sua forza di combattere per vivere, cercando un senso pur convivendo con la malattia, è e deve essere un esempio per molte persone che (come me) a volte ricadono nella lamentela quotidiana senza alcun motivo.
    Caro Fabio frequento i gruppi di Marco da tanti anni e, per carità, di cambiamenti ne ho fatti, l’esperienza è stata ed è tutt’ora vitale per la mia mente, per il mio spirito. Continuamente cerco di seguire il consiglio che Marco mi diede una volta "Cerca di non vedere qualunque cosa che devi fare come una meta faticosa e irraggiungibile, ma come qualcosa che comunque ti arricchisce e affrontala con il sorriso".
    Vorrei però avere di più la forza, la grinta e la fede che ho percepito nella tua persona. Ti ringrazio per il tuo contributo e ti auguro un sereno proseguimento di questo percorso . Vicinissima con il cuore e con la mente Gabriella
    letta

  2. Aalessandro C. dice:

    Caro Fabio, fino a 5 minuti fa non sapevo nulla di te ed ora sei nel mio cuore .
    Ascoltarti è…………sentire quel calcio in culo che spinge così forte da non poter fare a meno di mettersi in cammino .
    Anche io come Gabri seguo Marco da alcuni anni eppure arranco pur avendo tutto ciò che serve per essere felice , strano è !!!
    letta

  3. Mariapia Porta dice:

    letta

  4. letta

  5. E’ qualcosa di molto di più di una semplice testimanianza, è per me una lezione, anzi un manifesto.
    Grazie Fabio, … ora è come se ti conoscessi da sempre e ti porto con me dovunque.
    Spero di avere l’opportunità di incontrarti.
    E…, mi dispiace Paola, ma sono costretto a contrariarti ancora una volta: complimenti per la regia, il montaggio, la fotografia e … insomma per tutto. Grazie Paola, sei proprio brava!
    Complimenti per questo Sito, una volta di più un’oasi di vera e deliziosa Pace nel marasma di questo ordinario e spesso deprimente quotidiano che siamo costretti a trascorrere su questa terra.
    Marco F.
    letta

  6. rosella dice:

    Caro Fabio
    attendevo "al varco" il post di Paola dopo l’intensivo di Eupilio. Eravamo entrambi lì, pur senza parlarci personalmente. Il lunedì mattina però ho conosciuto qualcosa di te che mi ha strabiliato, così come di Giuseppina, per cui, mi ci ero preparata…
    E’ un grazie, rivolto a tutti coloro che hanno preparato e partecipato all’incontro, con l’augurio di un A presto.

    13 Luglio Eupilio

    ho Visto! come s’incarna
    "la parola" in un corpo,
    umano, mortale. Come se
    ne distilli di goccia in goccia
    "luce"
    ch’espande, di verso in verso,
    permeando e dissolvendo
    "in comunione" l’ombra.

    ho Udito! levarsi
    in canto, pura e cristallina
    "un’armonia". Dal profondo.
    stillare rugiada, dall’antico
    calice dei Padri; sulla terra
    in cui i figli dei figli s’offrono
    al mistero del dolore. Speranza
    di una vita "Immacolata"

    Grazie di tutto Fabio, un abbraccio
    letta

  7. Giuseppina Nieddu dice:

    Carissimo Fabio,
    che bello bere alla profondità di quanto trasmette questo post che anch’io aspettavo.
    Ho avuto la grazia di essere stata quest’estate al corso di Eupilio,intensissimo di incontri e di meraviglie,primo fra tutti quello con te e tua moglie.
    Siete davvero due bellissimi ragazzi.
    Permettimi di dirti che nell’intervista buchi lo schermo:comunichi un’energia che è veramente a più voci,come quella di un armonioso coro che giunge dritto al cuore.
    Le tue brucianti domande sono quelle di tutti gli uomini di tutti i tempi che anche nella totale impotenza del loro limite conservano e nutrono l’infinito del desiderio di essere AMORE.
    Ho ascoltato solo ora la tua intervista e ricordando che oggi ricorre la memoria di S.Teresa di Gesu’ Bambino,proclamata "Dottore della Chiesa Universale" , con gratitudine riconosco il tuo percorso in sintonia con la" piccola via "di Teresa.
    Grazie Fabio perche’ ci fai vedere che il cammino dentro se stessi ,anche se non si hanno piedi, porta a una nuova visione.
    Grazie perche continui a mettere al centro l’esigenza di pacificarsi prima di tutto con se’ stessi e perche’ incarni facendola circolare arricchita della tua umanità, la Parola che" ci trasforma in persone migliori."
    letta

  8. fabio fedrigo dice:

    Carissimi, grazie.

    Non pensavo di suscitare un clima di vicinanza così gradito e affettuoso.

    Veramente non avrei neanche mai pensato di riuscire a fare un video come questo.

    Devo dire che è stato proprio un bel regalo e Paola è stata davvero bravissima in tutto: sia nella costruzione del video che nel trovare le parole più giuste per una adeguata presentazione.
    Per cui molte grazie ancora Paola, per tutto il lavoro che stai facendo e che ti riesce così bene, e poi grazie di cuore anche a tutti voi che, anche se non vi conosco, con quello che avete scritto e con tutti gli input che mi avete trasmesso, avete avuto la capacita di mettermi di buon umore e di farmi ricevere tanta forza interiore per continuare comunque la ricerca di una pienezza di vita nonostante gli impedimenti e le difficoltà,
    .
    Un abbraccio

    A presto Fabio F.
    letta

  9. paolabalestreri dice:

    Confortata dai successi ottenuti, sto alacremente lavorando al montaggio delle altre due puntate, in cui Fabio continuerà a stupirci con la forza delle sue parole. Nella seconda intervista, Fabio recita con l’intensità che gli è propria la poesia "L’ultima lezione", citata anche da Marco F. nel suo bel post pubblicato ieri.
    Vorrei condividere con voi un pensiero di Santa Teresina di Lisieux:

    "A volte mi sentivo sola, tanto sola, come nei giorni della mia vita di collegio, quando passeggiavo triste e malata nel grande cortile; mi ripetevo queste parole che sempre mi facevano rinascere la pace e la forza nel cuore: "La vita è la tua nave e non la tua dimora!". Fin da piccola queste parole mi ridavano coraggio. Anche adesso, nonostante gli anni che fanno sparire tante impressioni di pietà infantile, l’immagine della nave affascina ancora la mia anima e l’aiuta a sopportare l’esilio. Anche la Sapienza dice che "la vita è come il vascello che fende le acque agitate e non lascia dopo di sé alcuna traccia del suo rapido passaggio…" Quando penso a queste cose la mia anima si immerge nell’infinito; mi sembra già di toccare la riva eterna. Mi sembra di ricevere l’abbraccio di Gesù"

    Auguri a tutti noi di sentirci in cammino, pellegrini, verso l’eternità
    letta

  10. Giuliana dice:

    Caro Fabio,
    ho avuto problemi di connessione e solo oggi riesco a sentirti anche in rete. Mi fa bene riascoltare la tua storia e sentire recitare le poesie da te, considero un dono l’averti conosciuto ed aver condiviso il lavoro nel piccolo gruppo a Eupilio.
    Ti confesso che allora, quando seppi di essere in un gruppo da sola con tre maschi sentii l’impulso di non partecipare (sono prevenuta col genere maschile); alla fine fui contenta di non averlo assecondato. La tua presenza, ma anche quella di Alessandro e di Roberto mi sono state davvero utili.
    Spero di rivederti a Roma.
    Grazie, Giuliana

    letta