Il regalo per il primo compleanno di “Darsi Pace”

Dopo una lunga riflessione ho deciso di ringraziare pubblicamente Rosella e Michele per la loro presenza tra noi .


 

Rosella è in nostra compagnia ormai da tempo , presente al punto che se un giorno non leggerò un suo pensiero mi preoccuperò seriamente, ha sempre parole di incoraggiamento che ci dona sapientemente .

Michele si è presentato a noi da poco tempo e lo ha fatto in modo dirompente al punto da far temere un grave fraintendimento che in realtà non si è verificato anzi direi che al difficile dialogo iniziale ha fatto seguito una apertura che mi ha insegnato molto .

Spesso mi capita di essere in contrasto con un altro modo di vedere le cose e la fuga ( quando mi sento in minoranza ) sembra sempre la via maestra, poi però nulla cambia anzi tutto si complica sempre più, l’ennesima occasione perduta !!!

Assistere a come voi siete riusciti a stabilire una sintonia partendo da posizioni che sembravano distanti anni luce mi ha veramente e positivamente sorpreso.

Perdonatemi se mi sono permesso di dare risalto alla vostra amicizia neonata ma non ho resistito alla voglia di farvi sapere che vi vogliamo bene e siamo felici di sapervi a bordo, questa piccola esperienza alla quale abbiamo assistito ci ha fatti crescere .

Grazie per il bel regalo

Un doppio abbraccio Ale

 

Commenti

  1. Caro Michele,
    tu conosci il mio pensiero: "si è liberi di scegliere di non scegliere"; ed è una sfida ed un abisso d’impotenza, contemporaneamente.
    Eppure è l’unica libertà possibile per incarnare quell’ "essere tutto a tutti" di cui mi pare parli Paolo. (cito sempre a orecchio sai?) o di cui prende semplicemente atto Annalena, quando dice:

    "Questo non è un merito, è un’esigenza della mia natura"

    ri-conosce "la sua storia UMANA redenta".

    Sento e penso, possa essere frutto di una contemplazione, come quella agita nel silenzio da Maria, la madre.

    Per il resto sono completamente d’accordo con te nel duplice aspetto, di "obbligo" e di "sopravvivenza" senza che si arrivi mai a quella LIBERTA’ di: "realizzare compiutamente un’umanità adulta".
    ciao.

    Un abbraccio a tutti
    letta

  2. Sai Michele,
    mi rendo conto solo ora che "sono totalmente in sintonia con te" prima avevo frainteso l’ultimo passaggio.
    Ti ricordi vero di pregare per me? ci conto sai?.
    letta

  3. letta

  4. Michele, non sò come e non sò quando. Non sò quanto durerà per te tutto questo dolore… ma non sei solo.
    Per "come puoi" affidati: lasciandoti ancor di più alla misericordia dell’amore.
    Ti abbraccio
    letta

  5. Caro Michele,
    non so proprio per quali ragioni tu stia male…. Rosella ti conosce e vedo che riesce a confortarti al pari (se non meglio per certi versi) di una amorevole sorella/madre e questo è meritorio per lei e moralmente lodevole. Non so se il tuo "male/malessere" sia inerente a un fermento/fuoco tuo interiore (forse recente conversione ? Ma credo proprio di sbagliare) che arde in relazione all’adesione a dettami e/o a precetti religiosi….un perfezionismo morale che tu voglia conseguire, non so se sia un disagio esistenziale/mondano, o ideale-emotivo-psicologico…. Qualunque sia il tuo disagio, depressione (bruttissima "bestia"), dolore, disperazione che dir si voglia, credimi… mi dispiace che tu stia così. Pur non conoscendoti affatto, sappimi al tuo fianco spiritualmente (una preghiera non si lesina a nessuno !). Un abbraccio. Pino
    letta

  6. Michele, se hai bisogno di un aiuto più efficace, umanamente, più concreto, tu sai che puoi chiederlo a Marco vero?
    E nel contempo desidero raccontarti questo:
    Sabato scorso ho incontrato per la prima volta un gruppo di "darsi", così osservando una persona che faceva meditazione da più anni ho scoperto finalmente che si anch’io, ogni tanto, la faccio in modo decente. Chissà che mi credevo?
    Ora non ti racconto tutto perchè mi dilungherei troppo.
    Ma tu la meditazione la fai? e gli esercizi di autoconoscimento?
    io sto un po’ "pressapoco"; ma mi sento gia "tanto brava", (la modestia è sempre, il mio forte).
    Notte ciao

    Per Pino,
    Michele ed io ci siamo incontrati qui nel Blog, non ci conosciamo personalmente; però ormai siamo "presenti" l’uno all’altra e ci sosteniamo a vicenda.
    ciao
    letta

  7. antonella dice:

    letta

  8. Antonella,
    son contenta che sei tornata a leggere e scrivere nel Blog; mi mancavi e mi chiedevo … chissà…?
    Auguro un Natale "ricco di pace e gioia nel cuore " sia a te che alla tua famiglia.
    Con affetto
    letta

  9. antonella dice:

    letta

Lascia un commento