La gioia di ricominciare – corso intensivo 5-8 dicembre a roma

 

meditation da A Yogi.

La gioia di ricominciare

Meditazione – Preghiera – Azione

Seminario di formazione integrata

per credenti e non credenti

del XXI secolo

 

Con Marco Guzzi

 

5/8 dicembre 2009

 

Comunità di Preghiera “Mater Ecclesiae”

Suore Dorotee di Cemmo

Via della Pineta Sacchetti, 502

00168 – ROMA

Tel/Fax 06.3017936

Mater.eccl@tiscalinet.it

www.centromaterecclesiae.it


Obiettivi e finalità dell’incontro

Cresce in ognuno di noi il bisogno di ricominciare, di dare un nuovo inizio alla propria vita.

E cresce, anche a livello politico e planetario, la necessità di un nuovo slancio creativo.

 

Solo che ritrovare questa forza richiede un approfondimento della vita interiore, la scoperta delle nostre dimensioni libere.

Per ricominciare siamo chiamati a scoprire che molti dei nostri pensieri abituali non sono che gabbie e illusioni.

 

In tal senso la pratica della meditazione e della preghiera, come esperienza quotidiana della gioia della nostra libertà, risulta oggi indispensabile anche per un nuovo progetto politico e culturale di rigenerazione del mondo nella giustizia e nella pace.

 

Dopo il tramonto delle ideologie materialistiche del XIX e del XX secolo la rivoluzione di questo mondo va a coincidere con il moto continuo del nostro ricominciamento spirituale nella libertà.

 

Il corso si prefigge di introdurci nell’esperienza spirituale della nostra libertà, come spazio aperto per una nuova azione, più integra, più benevola, e molto più efficace.


 

Metodologia

Nel seminario seguiremo la metodologia integrata utilizzata nei corsi regolari che si svolgono da oltre dieci anni presso l’Università Salesiana di Roma.

Questo metodo è illustrato nei due manuali: M. Guzzi, Darsi pace – Un manuale di liberazione interiore, Ed. Paoline 2004, e Per donarsi – Un manuale di guarigione profonda, Ed. Paoline 2007.

La base teorica del lavoro è invece raccolta nei volumi di M. Guzzi, La nuova umanità – Un progetto politico e spirituale, Ed. Paoline 2005, e Yoga e preghiera cristiana – Percorsi di liberazione interiore, Ed. Paoline 2009.

 

 

 

Programma del seminario

Sabato 5 dicembre 2009

 

18Arrivo e sistemazione

18.30Meditazione introduttiva

20.45Presentazione del seminario:

Il grande bisogno di ricominciare

Domenica 6 dicembre 2009

9.15La gabbia di questo mondo e la chiave per uscirne
Meditazione guidata, esercizi di autoconoscimento

16Lavori di gruppo

17Condivisione in assemblea

20.45Incontro di fine giornata

 

Lunedì 7 dicembre 2009


9.15Nel principio, e ora, e sempre: nella libertà

Meditazione guidata, insegnamenti ed

esercizi di autoconoscimento

16Lavori di gruppo

17Condivisione

20.45Meditazione poetica:

L’esperienza poetica come uscita dall’Alcatraz dell’ego

Martedì 8 dicembre 2009

9.15 L’adesso dell’azione messianica

Meditazione guidata, insegnamenti ed

esercizi di autoconoscimento

 


Avvertenze

E’ possibile partecipare al Seminario secondo due modalità: come residenti e come pendolari.

 

Quota residenti: Euro 150 più 40 di iscrizione.

Quota pendolari: Euro 40 di iscrizione più 30 per uso casa.

Costo singolo pranzo: Euro 15.

 

Per effettuare l’iscrizione è sufficiente telefonare, inviare un fax o una mail

Presso la sede del corso (vedi frontespizio).

 

Il Centro “Mater Ecclesiae” si raggiunge dalla Stazione Termini con Metropolitana linea “A” in direzione Battistini, fino a Valle Aurelia., quindi con treno urbano FS per Viterbo o Cesano o Bracciano, scendendo alla fermata Gemelli.

 


Commenti

  1. questa mattina nel dormiveglia, ho sentito, questa "storiella":

    Un uomo si recava al pozzo, ad attingere acqua, come ogni giorno. Aveva due contenitori uno nuovo e perfetto e l’atro vecchio, piuttosto malandato e rotto, in alcuni punti.
    Il vecchio contenitore chiedeva al suo padrone: " Gettami via! non vedi come sono? Son quasi a pezzi e non trattengo l’acqua".
    Colui che faticava, dolcemente rispondeva: "No. Tu vai bene così! Non ti accorgi che dove passi , fiorisce la terra al cielo?".

    Bene l’augurio che faccio a me stessa ed a tutti noi è quello di un oltre (uomo?) lasciare che la "felice colpa" trapassi e trasfiguri in un "LIMITE FELICE" ora adesso e qui "fiorendo" il nostro deserto.

    Come se fosse
    "lo sguardo", l’ inno
    alla vita! ri-conosce
    la bellezza che conduce
    mano nella mano e…
    teneramente abbraccia
    amore
    letta

  2. … dopo che un’anima pia mi ha reso edotta del "dietro le quinte"(di cui io neppure lontanamente sospettavo), cerco di fare "sintesi nell’intensivo".

    "L’ora" ecco
    realizzerò! dolente
    il cuore non accoglie
    la pienezza che salva,
    illuminando l’antro
    asfittico. Chiamato
    ad un immenso, s’erge
    da solo. Sino al suolo
    strisciando nell’eterno
    domani. Prostrato
    come polvere al vento,
    serra l’occhio per:
    "nulla vedere, nulla
    sapere, nulla sentire".
    nel flusso della vita
    esanime, mano protesa
    mendica, la carezza
    ch’ avea pretesa.

    … forse la foglia
    che d’autunno
    si lascia e cade
    sfiora il palmo…

    Solleticando apre
    al sorriso il cuore
    palpita il volto
    risplende ora
    nel deserto ecco
    realizzerò! con gioia
    fiorirà nel mattino
    il rosso della sera
    che nel ciglio schiude
    l’occhio e contempla
    "l’immenso tremulo
    in tutte le Sue stelle"
    umano crogiulo
    di linfa feconda
    cola, il Tuo eterno
    compie e trasfigura
    la terra " nell’uomo
    agita" la promessa.

    per Michele: d’ora innanzi sarò più sobria, soprattutto numericamente.
    Sarò "la stessa, eppur diversa." (è necessario).
    ciao a tutti.
    con affetto
    letta

  3. antonella dice:

    letta

  4. rosella dice:

    ciao Antonella,
    dato che non intendo correre il rischio di "non errare"!
    trasgredisco felicemente quanto poco sopra deciso, per augurarti personalmente un Nuovo Anno ricco di gioia serena per te e la tua famiglia.
    Un abbraccio, con affetto
    letta

Lascia un commento