Archivi per settembre 2010

Darsi pace 2010-2011: presentazione dei Gruppi.

Darsi pace 2010-2011

Presentazione dei Gruppi.

Realizzarsi

Possiamo creare la nostra felicità?

Roma – Sabato 9 ottobre, ore 17.30

Complesso Storico dei Domenicani

Piazza della Minerva n. 42
[Continua a leggere…]

Eduardo, Truvà pace

Una bella poesia di Eduardo De Filippo che calza a pennello con il nostro sito!

La pubblichiamo in fondo nelle due versioni, napoletana e italiana.

Di fronte alle fatiche dell’esistenza, a una varietà di situazioni che ci incalzano dall’esterno, ma anche da “stu core”, Eduardo invoca la pace, in cui “nun sèntere cchiù niente”.

Una pace che però [Continua a leggere…]

Confessionali vuoti?

Quando si discute sul sacramento della penitenza, come i teologi chiamano quello che la gente nomina come confessione, si parla subito di crisi, di allontanamento massiccio dei cattolici da questa pratica.

La confessione sacramentale e la promessa di pace e di liberazione che essa offre sono forse sentite come inadeguate ad appagare un desiderio molto più vasto di riconciliazione fra gli uomini, un bisogno universale di pace nel mondo. [Continua a leggere…]

Spiritualità e social network: nozze d’amore o d’interesse?

DARSI PACE SBARCA SU FACEBOOK
Alla fine abbiamo ceduto. Anche Darsi Pace ha ora il suo profilo Facebook a cui tutti possono iscriversi per ricevere le proposte della redazione, oltre a una pagina che permette di inviare ai propri amici gli articoli pubblicati sul sito e gli interventi della redazione. È stata una scelta sofferta, su cui non tutti erano all’inizio d’accordo. E con molte ragioni: perché entrare nel mondo dei social network significa mettersi parecchio in gioco, significa anzitutto schivare i rischi di un linguaggio veloce e frammentario, di un bombardamento di parole futili e vanità, spesso all’opposto dell’idea della meditazione e del raccoglimento interiore su cui si centra il nostro lavoro. Ma accanto alle insidie, oggettive, concrete, ci sono le opportunità. Tante. Sorprendenti. Da conoscere. [Continua a leggere…]

Il tempo di Maria

Cari figli, sono accanto a voi perché desidero aiutarvi a superare le prove che questo tempo di purificazione mette davanti a voi. Figli miei, una di esse è il non perdonare e il non chiedere perdono. Ogni peccato offende l’amore e vi allontana da esso – l’amore è mio Figlio! Perciò, figli miei, se desiderate camminare con me verso la pace dell’amore di Dio dovete imparare a perdonare ed a chiedere perdono. Vi ringrazio. (messaggio del 2 settembre 2010)

Al rientro da un pellegrinaggio a Medjugorje desidero condividere a caldo alcune riflessioni. [Continua a leggere…]

PerdonarSi e RiconciliarSi

Negli ultimi mesi mi sono ritrovato a riflettere sul perdono. Ho ri-letto il libro  Perdonarsi che viene utilizzato durante il percorso Darsi Pace per verificare l’azione proposta dal titolo, sì perché Perdonar-SI (e non Perdona-RE) mi provocava all’inizio fastidio e scarsa comprensione.

[Continua a leggere…]

Testimonianza di Sevi: oltre la burrasca

Dopo le testimonianze di Claudia e di Maria Grazia, non poteva mancare nel nostro caleidoscopio di voci, quella di un’altra veterana degli incontri intensivi che da più di 10 anni Marco conduce a Eupilio (e, da quest’anno 2010, a Campello sul Clitunno). [Continua a leggere…]

Facciamo l’uomo

Esistono due racconti della Creazione dell’uomo nel libro della Genesi: il primo è legato alla Creazione del Cosmo, nel primo capitolo, un racconto molto conosciuto. Ma esiste una curiosa dissomiglianza fa l’intento del Creatore e la sua decisione finale. Il suo progetto è questo:

E Elohim disse:
facciamo ‘adam in nostra immagine
come nostra somiglianza

Ma, poco dopo, ecco ciò che accade: [Continua a leggere…]

Lampi – Come liberare la nostra creatività?

Carissime amiche e carissimi amici,

vorrei iniziare questo nuovo anno di lavoro e di crescita interiore con un grande augurio, rivolto a tutti noi, di poter esprimere un po’ di più quel immane serbatoio di creatività che ci portiamo dentro.

Il paradosso in cui viviamo infatti consiste proprio nel blocco progressivo della creatività culturale dei popoli dell’Occidente, in un momento fatale della storia in cui urgerebbe invece un’immensa rielaborazione di tutti i nostri schemi mentali e comportamentali.

La voracità con cui la sfera economica sta divorando e asservendo ai propri valori tutti gli ambiti della vita umana devasta e finisce per annientare la creatività più autentica.

Jeremy Rifkin, sempre acuto nelle sue analisi, scrive: “Quello che per qualcuno può essere un’utopia, per altri è un incubo. [Continua a leggere…]

Non battiamo le mani

Io sono un pessimo soggetto. Ma mi riconosco un pregio: contro il razzismo lotto fino allo stremo delle mie forze. Così Moni Ovadia in una intervista su Avvenire, riguardo alle espulsioni di Rom e Sinti che il governo francese sta effettuando. E continua: “ Sono la minoranza più bistrattata perché senza una patria per difenderliun popolo senza eserciti, senza burocrazia e confini…non hanno istituzioni che li difenda… Tutti conoscono la parola Shoah, nessuno Porrajmos, il divoramento: il loro sterminio non ha ancora avuto un riconoscimento nell’Europa che lo ha prodotto.”

E’ vero che sono anche, per il cittadino comune una presenza scomoda e fastidiosa: [Continua a leggere…]