Nel silenzio

Entriamo in silenzio in questi giorni di Passione che prelude alla Resurrezione, consapevoli di quanto la nostra anima abbia bisogno del silenzio.

Se è vero che è più facile entrare nel silenzio quando le circostanze sono più favorevoli (nella nostra stanza, in un monastero, in una chiesa, di fronte al mare o all’oceano…), è possibile trovare il nostro interiore stato di silenzio anche in mezzo ad una città affollata, in un autobus, dentro alla metro.

Perché il silenzio esiste sempre dentro di noi.
Possiamo entrarvi quando lo desideriamo.

Giunge a proposito quanto scritto sulla copertina dell’ultimo, recentissimo libro di Marco Guzzi, “Il cuore a nudo”, ed.Paoline, collana Crocevia:

Nelle grandi fasi critiche della vita e della storia, quando non abbiamo più risposte sufficienti a placare il nostro smarrimento, possiamo rimetterci in ascolto.
Possiamo rimetterci in viaggio.
In questi momenti ritroviamo il gusto del silenzio, e forse scopriamo che nelle profondità del nostro cuore si aprono molti spazi nuovi.
Scopriamo che una Sapienza amorosa ci abita e può illuminarci.

Nella pratica meditativa e negli esercizi di autoconoscimento che accompagnano il nostro itinerario nei gruppi Darsi Pace, sperimentiamo come soltanto spegnendo le fastidiose ed insistenti voci del nostro ego ordinario sia possibile ascoltare altro, in una dimensione insolita, che inizialmente può quasi spaventare, se non fosse che l’abbandono in quella silente quiete ci ricrea e ci dà nuova fiducia.

Perché “Dio parla al cuore in questa solitudine e l’anima l’ascolta”. E’ necessario e bello fare “silenzio per una profonda e delicata audizione di Dio”. Questo ci ha detto Marco, leggendo dalla “Fiamma viva d’amore” di San Giovanni della Croce, nell’incontro del 31 marzo, a cui hanno preso parte tutti i gruppi.

Nel silenzio fiducioso ed attento può raggiungerci la coscienza di Dio.

Scrive Khalil Gibran, (“Le parole dette”, ed.Paoline, 1994)

Depongo la parola
che vorrei pronunciare
nel cuore stesso del silenzio:
il silenzio conserva
tutto ciò che diciamo
con sentimento, con fervore, con fede.
E il silenzio
Porta le nostre preghiere ovunque vogliamo,
o le eleva a Dio


e scrive ancora Gibran

“Il silenzio
è uno dei misteri dell’amore”

Concludo questa riflessione con alcuni versi che mi sono stati ispirati dall’esperienza del mio silenzio, forse qualcuno vi troverà anche la propria esperienza

Nel silenzio

amo
il nudo silenzio
dell’anima,
genuflessa
alla Fonte

nell’orto
il pianto sommesso,
alla Presenza,
rende dolce
ricordo il dolore
nè fa più male

nel silenzio
lineare
come un arco
scarno
di cattedrale

Buona settimana di Passione e di Resurrezione in Cristo,
Filomena

Comments

  1. Giuliana says:

    Ciò che più mi manca dell’alta montagna è il silenzio.
    Ore e ore di cammino in salita mi svuotavano e mi immergevano in un grande silenzio che non so definire.
    Io diventavo silenzio e in quello stato, una volta arrivata in vetta, mi restava solo da contemplare la vista che mi si offriva a 360 gradi.

    Il metodo integrato che sperimento attraverso il lavoro nei gruppi dP mi sta portando, con la meditazione e la preghiera, dentro un profondo silenzio del quale sento sempre più il bisogno.
    Ora la salita è lo spegnimento e l’abbandono, un continuo riconoscere le mie parti malate, doloranti, negative, cominciare ad amarle e ad attraversarle senza paura, prendendomene cura, nella fede che in Cristo sono risanate ed io vengo rigenerata.

    Questo progressivo spegnimento, per me trova senso solo in Cristo crocifisso.
    La croce è la via della luce nella quale posso rinascere più integra e più felice.
    Solo facendomi silenzio, come in alta montagna, posso aprirmi ad una visione infinita che questo mondo sempre più rumoroso neppure riesce ad immaginare.

    Giuliana

  2. Corrado says:

    Ogni silenzio che riusciamo a fare dentro di noi affonda le sue radici nel sabato santo.
    Il silenzio del sabato santo è fatto di cose non dette, non più dette, perché non c’è più nulla da dire…. ma anche di attesa che Qualcun altro dica una parola “nuova” mai udita né immaginata…

    Grazie carissima Filomena, mi ispirano molto questi tuoi versi:
    “amo
    il nudo silenzio
    dell’anima,
    genuflessa
    alla Fonte”

    (vi vedo riflessa la Vergine del sabato santo)

    un abbraccio pasquale Corrado

  3. Grande dono il silenzio, soprattutto quello interiore. Penso che oggi, Sabato Santo, sia il giuorno migliore per cercarlo e trovarlo. Auguri a tutti, mariapia

  4. Carissima Filomena, leggendoti pensavo a questa Pasqua 2012, alla sua difficoltà. Sento un grande disagio dentro di me, sento che le parole dell’annuncio fanno fatica ad arrivare ai nostri cuori, sento la stanchezza di riti ripetuti ma con poca convinzione, pochissimo fuoco, sento che per davvero qualcosa sta andando a finire, un intero repertorio di figure storiche.

    Forse però è proprio in questa fine dolorosa, in questa impotenza di una fede che stenta a farsi cultura, linguaggio nuovo e potente, forse è proprio in questa balbuzie il mistero più intimo che celebriamo. La parola nuova e risorta deve atraversare una vera morte, una vera e completa umiliazione, una radicale impotenza.
    Mi pare che solo questo maggiore realismo della fine possa oggi donarmi un sentimento reale di ricominciamento, di Pasqua.
    Un abbraccio. Marco

  5. E’ da poco che ho scoperto questo sito e sto leggendo l’ultimo libro di Marco Guzzi:mi sento toccato dentro profondamente e anche io vivo un disagio interiore nei confronti di una spiritualità piena di troppe parole che lasciano poco spazio alla Parola e che si nutre spesso del suono delle nostre voci invece che del silenzio.
    Comunque sia…pace a tutti voi.

  6. rosella says:

    Cara Filomena,
    la parola “silenzio” mi è sempre stata presente, in vario modo; ed ancora non ne vivo compiutamente il mistero in modo personale; per cui posto qui semplicemente la gioia compiuta nel cuore dalle celebrazioni “Pasquali” di questi giorni.
    Abbiamo un nuovo sacerdote, nè giovane nè vecchio, ma certo uno che prega e confessa e si sente; e si vede. Ha rispolverato per noi tutti gli ammenicoli (gli attrezzi nuziali?) utilizzati nelle antiche celebrazioni liturgiche, ho visto per la prima volta nel rito della luce l’illuminazione e la fioritura del fonte battesimale; messe completamente cantate dall’inizio alla fine; la nostra piccolissima frazione pareva il vaticano.
    Ora tutto questo che può sembrare obsoleto, mi colma il cuore di speranza, perchè la parola che pronuncia e pregna di gioia e di fiducia, insomma mi sembra il giusto connubio tra la tradizione anche un po’ pomposa (che io tendo a rifuggire) con la gioia sobria dello spirito.
    Non so se son diversa io o se finalmente gusto la liturgia fatta con i silenzi appropriati , con i tempi dovuti, senza fretta alcuna se non quella di godersi una celebrazione comunitaria che ricolma con il Suo Spirito il nostro cuore.
    Non so se ci sta con il post, ma così mi viene di corrisponderti.
    Buona Pasqua a tutti
    Rosella

  7. Gabriella says:

    Ho iniziato timidamente ad accostarmi al “silenzio” grazie al libricino del gesuita indiano Del Mello: “Sàdhana Un cammino verso Dio” (consigliato da Marco G.).
    Egli scriveva che per chi non è abituato, il silenzio può essere un esperienza terrorizzante.
    Ho scoperto che così era per me, grazie a questa lettura ed alla meditazione ora posso convivere con il silenzio un po’ più di prima e già è una conquista!

    Ma soprattutto è importante comprendere che ci si può rifugiare in ogni istante nel silenzio che è dentro di noi, anche se intorno c’è un gran frastuono.
    Etty Hillesum scriveva nel suo Diario (pag. 148):”Passerò tutto il giorno in un angolino di quella gran sala silenziosa che ho dentro di me”.

    Grazie Filomena per queste riflessioni, auguro di cuore Buona Pasqua a tutti Gabriella

  8. Carissimi amici,
    vi ringrazio della vostra partecipazione e delle vostre parole 🙂
    Questo cielo azzurro che oggi ci è regalato, almeno qui a Roma, ci aiuta a sperare nella Resurrezione di una Umanità Nuova, in Cristo.

    Saluti ed abbracci pieni d’affetto
    Filomena

Speak Your Mind