Archivi per ottobre 2012

Umanità contemplativa


Un paio di settimane fa mi telefona una mia cara amica suora: “Devi assolutamente leggere l’intervento che il primate anglicano ha tenuto al Sinodo dei Vescovi il 10 Ottobre. Abbiamo appena terminato una giornata di ritiro proprio su quel testo. C’é tutto lì dentro, la contemplazione é il cuore di tutto. E per di più é un non-cattolico a dirlo. Si chiama Williams. Cercalo e leggilo!”.
Cerco il testo in Internet e inizio a leggerlo.
Papa Benedetto XVI ha invitato il Primate della Chiesa Anglicana Rowan Douglas Williams, Arcivescovo di Canterbury, teologo, poeta e scrittore, a parlare davanti ai Vescovi cattolici, radunati a Roma per il Sinodo sulla Nuova Evangelizzazione. [Continua a leggere…]

La torta mancata invita alla festa

Il seminario di Albino è come una porta che chiude il tempo di vacanza e mi addentra in un nuovo anno di vita, una soglia che attraverso in uno stato di grazia, nel respiro quieto, carica di gioia e di aria pulita che si genera quando cade la maschera e la relazione si fa a cuore nudo.

Quest’anno il passaggio della soglia è avvenuto in modo brusco, il lavoro è iniziato a ritmo vorticoso, in una grande confusione e il ricovero in ospedale di mio cognato ha riportato in me antiche paure. [Continua a leggere…]

Lampi – Ripartire: Globalizzazione e Nuova Evangelizzazione

 Carissime amiche e carissimi amici, a volte sembra che la comunicazione di massa ci descriva un mondo già in buona parte scomparso, ci illustri problemi che appartenevano ad epoche già quasi del tutto tramontate,  tempi in cui, ad esempio, gli USA erano ancora la prima potenza mondiale, e paesi europei come la Germania, la Francia, e l’Italia dominavano gli assetti geopolitici ed economici del pianeta, piazzando i loro debiti dove e come volevano. [Continua a leggere…]

Torto o torta?

Spesso nelle relazioni viviamo situazioni che ci feriscono: possiamo sentirci non rispettati, forzati, prevaricati, manipolati, ingannati, traditi, non compresi, non riconosciuti, svalutati, ostacolati, e ancora altro. E queste situazioni generano in noi emozioni e sentimenti diversi: paura, rabbia, risentimento, odio, rancore, delusione, amarezza, tristezza, colpa, vergogna, depressione, e altri ancora, sentimenti ed emozioni che si intrecciano tra loro e si attivano automatica-mente. [Continua a leggere…]

La sofferenza degli altri

Lo scrisse anche Simone Weil:

“Come mai accade che, dal momento in cui un essere umano dimostra di avere poco o punto bisogno di un altro, quest’ultimo si allontana?” (L’ombra e la grazia).

Perché questo è così vero?

Chi sta male, chi soffre, chi chiede aiuto in un certo senso intacca il nostro equilibrio emotivo, già così traballante. Ci disturba, ci trascina violentemente nell’abisso della sofferenza, o peggio ancora della depressione, realtà di tante persone, e la tentazione è scappare! [Continua a leggere…]

Darsi pace: un contributo alla Nuova Evangelizzazione

Presentiamo il nuovo “Video di Darsi pace”, in piena sincronicità con due eventi molto significativi per il mondo cattolico: l’inaugurazione da parte del Papa dell’anno della fede, e la ricorrenza odierna del cinquantenario dall’indizione del Concilio Vaticano II.
Il piccolo contributo che il nostro movimento intende offrire al rinnovamento della fede si può sintetizzare nell’aggettivo ‘poetico’ che caratterizza tale rinnovamento. [Continua a leggere…]

Come un girasole


Mio figlio ha quasi 16 anni e la dolce asprezza della sua età adolescente si sente tutta.

  [Continua a leggere…]

Lourdes

Ho accettato la proposta, andrò a Lourdes, e subito sento uno spostamento dentro di me, in un attimo sono in un’altra dimensione, il desiderio nascosto si rivela, volevo tanto andarci e non lo sapevo, un senso di gioia si affaccia timidamente dal mio cuore.
In pochi minuti il silenzio mi pervade, mi assorbe e mi trascina nella quiete, in un posto custodito dove le priorità cambiano, dove il quotidiano sfuma, perde il contorni definiti e rigidi, tutto si spegne intorno a me, non mi sento smarrita anzi, sperimento che più mi abbandono più mi ritrovo. [Continua a leggere…]