Voci dall’oriente

Link al video:http://www.rainews.it/dl/rainews/media/al-centro-alberione-di-seul-con-la-suora-che-ha-tradotto-il-papa-video-67dbca43-1b42-40e8-ba24-d5aeefed3a71.html

Suor Gemma, intervistata nel video, è una dei 36 telematici che quest’anno hanno seguito i corsi Darsi Pace dall’estero. Con gioia pubblichiamo questo video perché sentire la voce e dare un volto agli amici che ci seguono da lontano aiuta a rendere più concreto e reale il rapporto.

I corsi telematici sono una grande opportunità ma hanno ancora, allo stato attuale, un limite: la mancanza di fisicità nella relazione. Siamo spiriti incarnati, abbiamo bisogno di fisicità, di dare volto e voce ad un nome, di scambiarci abbracci.

Questa estate ho avuto la gioia di abbracciare suor Bernarda, colombiana, appartenente alla grande Famiglia Paolina: una donna giovanissima nonostante l’età avanzata, piena di entusiasmo, con uno sguardo penetrante carico di tenerezza, esile ma straordinariamente forte e tenace, che sta favorendo l’espansione di Darsi Pace nel mondo. La maggior parte dei partecipanti esteri, infatti,  sono paoline che hanno conosciuto Darsi Pace durante i ritiri che questa infaticabile missionaria tiene da una parte all’altra del pianeta.

 

Non a caso l’espansione nel mondo si sta realizzando principalmente attraverso religiose della Famiglia Paolina che hanno la ‘missio ad gentes’ nel loro carisma!

Dalla Corea all’Angola, dalle Filippine al Brasile, dall’India alla Cina, dal Congo all’Argentina, ed ancora in Albania, Lussemburgo, Spagna, Polonia, Germania, Repubblica Ceca, Slovenia, Svizzera, Santo Domingo: 17 i Paesi nei quali risuona lo slogan Liberazione interiore → Trasformazione del mondo.

 

Questa estate ho avuto la gioia di abbracciare anche suor Giulietta, bresciana, da quasi 40 anni missionaria a Taiwan, che mi ha parlato della grande sfida dell’inculturazione della fede, dell’urgenza di entrare sempre di più nella cultura del Paese accogliendone tutta la ricchezza e veicolando il messaggio cristiano attraverso un linguaggio vicino alla loro esperienza di vita.

Anche per il metodo di DP sarà necessario un paziente lavoro di inculturazione, che potrà essere realizzato solo da chi appartiene a quella cultura o vi si trova immerso da anni.

 

Ho ancora viva dentro di me l’emozione di questi due incontri, di questi abbracci, dono che custodisco gelosamente  nel cuore.

Il coraggio di chi segue i corsi dall’estero, in particolare da Paesi lontani, mi riempie di stupore e gratitudine. Le difficoltà che si trovano ad affrontare sono tante, a cominciare dalla diversità di lingua, di cultura, la difficoltà di portare avanti il lavoro da soli, senza potersi confrontare, condividere con altri; a queste si aggiungono anche difficoltà molto concrete di connessione internet!

 

Voi che seguite i corsi da Paesi lontani  siete i coraggiosi pionieri dell’espansione di DP nel mondo, un dono prezioso per tutti noi; grazie a voi la relazionalità senza frontiere propria della Nuova Umanità comincia ad avere concreta realizzazione.

Per questo vi invito a superare paure e timidezze e a raccontarvi; i vostri racconti, le vostre testimonianze, ci aiuteranno a conoscere e comprendere meglio la realtà dei vostri Paesi, ad  aprirci anche ad esperienze concrete di vicinanza e solidarietà.

 

Una sempre maggiore sinergia dovrà realizzarsi tra i gruppi fisici in Italia e i numerosi amici telematici sparsi per il mondo.  Con suor Bernarda abbiamo immaginato possibilità di collegamenti  via skipe per recuperare una fisicità nella relazione, collegamenti per aree geografiche per favorire la conoscenza tra partecipanti di Paesi vicini; anche collegamenti per singoli e piccoli gruppi che vogliano condividere il lavoro di trasformazione interiore.

 

Lo Spirito sta spingendo la barchetta di DP verso lidi lontani, a noi tocca solo la docilità nell’ascolto e l’umiltà nel servizio.

Link al video:http://www.rainews.it/dl/rainews/media/al-centro-alberione-di-seul-con-la-suora-che-ha-tradotto-il-papa-video-67dbca43-1b42-40e8-ba24-d5aeefed3a71.html

 

 

 

Comments

  1. Mi dà gioia sentirmi accomunata a persone sparse nel mondo, dentro realtà culturali, politiche e sociali diverse, dallo stesso anelito per la liberazione interiore e la trasformazione del mondo nella ricerca del linguaggio che nasce dalla dilatazione del cuore.

    Spero che il mezzo telematico ci aiuti ad approfondire la conoscenza, il confronto e il dialogo con loro.

    Grazie Giovanna e un grande abbraccio a tutti.
    Giuliana

  2. Semplicemente invio un saluto e un abbraccio di vicinanza a tutti. Vanna

Speak Your Mind