Darsi Pace: verso l’espansione


Pubblichiamo il video dell’incontro di Marco Guzzi con i responsabili del Movimento Darsi Pace, che si è svolto il 15 marzo scorso.

Qui di seguito la lettera indirizzata a tutti i praticanti Darsi Pace, in cui Marco spiega per iscritto la nuova fase di espansione del Movimento.

 

 

Carissimi amici,

il nostro Movimento Darsi pace (DP), che è nato nel 1999,  sta per compiere un nuovo salto di qualità, nel senso dell’espansione e dell’approfondimento della sua azione culturale e spirituale.

I nostri numeri crescono costantemente, e ormai abbiamo circa 600 praticanti regolari, diffusi su tutto il territorio nazionale, ma anche in molti stati esteri.

Il nostro sito realizza oltre 100mila visitatori unici ogni anno, il canale Youtube di Darsi pace ottiene oltre 30mila visualizzazioni ogni mese (più di 1000 al giorno), e la nostra Pagina Facebook è seguita da circa 8000 persone. [Continua a leggere…]

L’Insurrezione

Insorgere per noi significa dire di NO ad una cultura planetaria e ad un senso comune divenuti ormai asfissianti.

Insorgere per noi significa dire di SI ad un rinnovamento radicale del mondo, che parta però in ogni istante dalla dilatazione del nostro cuore, dalla purificazione della nostra mente, dall’areazione della nostra coscienza oltre i limiti di ogni pensiero riduzionistico sulla straordinaria avventura umana, di ogni gabbia concettuale, di ogni materialismo ottocentesco.

Liberazione interiore, appunto, PER la trasformazione del mondo.

[Continua a leggere…]

Io non sono Charlie

je-ne-suis-pas-charlie

Io sono Charlie? No, io non sono Charlie.
Di fronte agli assassini dobbiamo certamente stare sempre dalla parte delle vittime, e pregare per loro, identificandoci con il loro dolore.
Però questo coro mondiale mi sembra un grido di disperazione:
Io sono Charlie, perché non so proprio più chi sono.

[Continua a leggere…]

Terza Meditazione: Chi sono io nel perfetto perdono

onda_surf

Assumiamo una posizione comoda, eretta, e rilassata, e lasciamo che la serena attenzione al respiro plachi progressivamente il rumoreggiare dei nostri pensieri e delle nostre emozioni. Accompagniamo, come di consueto, l’inspiro con l’attitudine interiore del sorriso, e l’espiro con quella dell’abbandonarci: sorrido/ mi abbandono. Non lasciamo che queste restino semplici parole automaticamente ripetute, bensì rilanciamo ad ogni inspiro la nostra disposizione al sorriso accogliente, alla dilatazione interiore, e ad ogni espiro abbandoniamoci un po’ di più nel nostro abbandonarci, nel nostro non trattenere, nel nostro lasciar andare, lasciar scorrere via.

  [Continua a leggere…]

Seconda Meditazione: il mio io è aperto all’infinito

uccello

Ora avviamo la nostra seconda meditazione, seguendo i medesimi passi iniziali indicati già nella prima. Qui noi non li ripeteremo con la stessa precisione, ma è necessario riattraversare ogni volta i singoli stadi del processo meditativo, realizzandoli nella loro successione organica. Dobbiamo cioè imparare a distinguere con cura la rappresentazione puramente mentale di questi stati dalla loro realizzazione concreta come progressiva mutazione della nostra forma mentis.

[Continua a leggere…]

PRIMA MEDITAZIONE – FLUIDIFICHIAMO LA NOSTRA MENTE

goccia

Il lavoro trasformativo autentico implica, ogni volta che lo si intraprende (e quindi ogni giorno o più volte al giorno), una fase preparatoria, e cioè una preventiva fluidificazione della sostanza della nostra anima, che è invece ordinariamente contratta e indurita, in quanto solo ciò che venga reso almeno in parte malleabile può poi essere riplasmato. Inoltre la penetrazione entro le dimensioni più profonde del nostro essere non può che essere graduale ed in un certo senso preparata.

[Continua a leggere…]

Lampi – Per una nuova idea di progresso

001139

Carissime amiche e carissimi amici,

la nostra civiltà vaga così disorientata nel deserto dei suoi giorni in quanto non possiede più una direzione condivisa, non sa dove andare, se avanti o indietro o magari se spostarsi di lato, né perché andarvi.

Per alcuni secoli, almeno a partire dalla svolta storica che inaugura il tempo moderno, i popoli europei sono stati abbastanza sicuri di andare in avanti, e cioè di progredire verso il meglio. Eravamo convinti che lo sviluppo delle conoscenze scientifiche e tecniche, insieme all’ampliamento delle libertà politiche e delle garanzie sociali, corrispondesse alla direzione stessa della Storia.

[Continua a leggere…]

Lampi – La nascita di Dio al fondo della notte, nel gelo invernale

lampi5x

Carissime amiche e carissimi amici,

ancora una volta in questa fine d’anno vorrei rivolgermi alle anime affaticate e oppresse di tutti noi, vorrei offrire qualche minuto di conforto alle nostre anime così tanto maltrattate, così raramente ascoltate a sufficienza, e così spesso invece ignorate del tutto e tradite.

[Continua a leggere…]

Lampi – La nostra coscienza ottenebrata e la luce della verità (politicamente scorretta) che ce la guarisce

lampi_14

Carissime amiche e carissimi amici,

uno degli aspetti più inquietanti di questo tempo convulso e faticoso è la spaventosa confusione mentale in cui stiamo precipitando giorno dopo giorno, per cui risulta sempre più difficile non dico concordare su qualsiasi punto di discussione, ma perfino intenderci sui concetti basilari su cui impostare un qualunque discorso.

[Continua a leggere…]

Lampi – 2013/14: una stagione per cambiare il pensiero

fulmini03
Vorrei iniziare questa nuova stagione 2013/14 con un famoso pensiero di Einstein, che diventi per tutti noi una sorta di viatico, ma anche un augurio e un impegno di lavoro: “Non possiamo risolvere i nostri problemi con il pensiero che avevamo quando li abbiamo creati”. [Continua a leggere…]