Archivi per2015

Dalla fine, l’inizio


 

“il destino comune ci obbliga

a cercare un nuovo inizio”

(Carta della Terra, L’Aja 2000)

 

In questo passaggio dell’anno, in cui ci disfiamo del vecchio per accogliere il nuovo, proponiamo la conferenza tenuta da Marco Guzzi lo scorso ottobre a Bergamo, nell’ambito della rassegna “Molte fedi sotto lo stesso cielo”.
[Continua a leggere…]

Intimità

E’ una giornata di dicembre grigia e nebbiosa, sono in casa, mi sento affaticata e stanca ma non so perché, ho bisogno di caldo e di consolazione, così mi preparo una tazza di tisana, arancia e cannella.

Il profumo sale fin dentro alle narici, annuso e pregusto il sapore forte e il caldo che scende fin nelle viscere, mio marito mi chiama per mostrarmi una foto del nostro albero di Natale: “vorrei usare questa per fare gli auguri quest’anno che ne dici?”

immagine post Daniela

Mi perdo un momento in questa immagine, osservo il mio angioletto di pezza appeso che sembra voglia dirmi qualcosa, sorride serafico.

[Continua a leggere…]

Benedetta ernia

Schermata 2015-12-13 alle 19.24.02

Sono le 8 del mattino. Dopo mesi di titubanza e visite mediche ripetute, eccomi fisicamente pronto sul letto d’ospedale per l’intervento di ernia inguinale programmato in day surgery. Il pre-operatorio è concluso; l’ultimo atto è stata la depilazione la sera precedente. Sto solo aspettando il chirurgo per la visita finale, prima di essere condotto in sala.

Ma la mia mente non è tranquilla. Gli stessi dubbi che mi avevano attanagliato qualche anno prima, quando alla fine mi feci operare di un’altra ernia ombelicale, aggrovigliano di nuovo i miei pensieri.

[Continua a leggere…]

Cura

Schermata 2015-12-13 alle 19.21.36

No, no. Certo non mi fa piacere riconoscere di avere delle ferite. Non mi fa piacere nemmeno ammetterlo perché – dopo l’imbarazzo iniziale – questo mi lascia più scoperto, più esposto. Ma anche, devo dirlo, “stranamente” più lieto. Insomma, come se mi fossi tolto un peso di dosso che non mi faceva respirare.

Perché l’istinto è quello: quando mi trovo addosso l’evidenza della ferita, quando avverto il disagio, l’istinto è quello di correre a nascondermi. Ok, aspettiamo tempi migliori, momenti più adatti. Poi ci ripresentiamo in pubblico, davanti al mondo. Mi costa molta più fatica ammettere il disagio – ammetterlo prima di tutto davanti a me stesso. Accettarlo, farlo entrare nella vita, dargli cittadinanza. Mi è costato molta fatica e molta incertezza, percorsi tortuosi, indecisioni e tormenti, ammettere il mio bisogno di aiuto, di “cura”.

[Continua a leggere…]

Verso una Nuova Umanità

Pubblichiamo i video dei due incontri pubblici con Mauro Scardovelli e Marco Guzzi, che si sono svolti il 7 novembre al teatro Wagner di Milano, per riflettere sull’insurrezione spirituale e culturale che oggi è di nuovo resa possibile dall’incredibile stringersi dei tempi.
[Continua a leggere…]

La mia emozione preferita

Screenshot 2015-12-05 11.14.48

Da bambini ci facciamo domande come “qual è il tuo colore preferito?” o “qual è la tua squadra del cuore?”.

Se invece qualcuno mi chiedesse “qual è la tua emozione preferita?” cosa risponderei? La paura, credo.

Fedele compagna di viaggio, non mi ha più lasciata da quando ci incontrammo per la prima volta. Non so esattamente quando accadde, penso però molto presto.

[Continua a leggere…]

L’anima

Screenshot 2015-12-02 12.54.25

“Non trovo io qualcosa cui si possa paragonare la grande bellezza di un’anima e la sua grande capacità. […] E veramente a stento arrivano a comprenderla le nostre facoltà d’intendere, per quanto acute, come non possono arrivare a considerare Dio, poiché Egli stesso dice di averci creato a Sua immagine, e somiglianza. […] Consideriamo la nostra anima come un castello, fatto tutto da un diamante, o da un cristallo chiarissimo, nel quale ci sono molte camere, come nel Cielo ci sono molte dimore […] castello meraviglioso e risplendente, questa perla orientale, quest’albero di vita piantato nelle stesse acque vive della vita che è Dio.” (Santa Teresa d’Avila)

[Continua a leggere…]

Cosa è cambiato e cosa sta cambiando in noi dopo il secondo anno di darsi Pace?

Schermata 2015-11-29 alle 18.13.15

Come partecipanti al gruppo DP di Palazzolo S/Oglio, ci siamo posti questa domanda alla ripresa dei nostri incontri dopo la pausa estiva. Una verifica spontanea tra noi per condividere le nostre motivazioni prima di iniziare il terzo anno di cammino. Un cammino che ci ha coinvolto profondamente.

[Continua a leggere…]

Sulla brezza dell’alba

fenice

Mi chiamo Giacomo, ho 26 anni, e sto iniziando a conoscere la realtà di Darsi Pace. Condivido con voi la mia risposta alla e-mail per i gruppi di creatività culturale, dove Marco chiedeva perché i gruppi Darsi Pace nascono proprio ora, ed a quale bisogno tentano di rispondere in questa fase così estrema della nostra vita, sperando che possa essere un contributo in qualche modo utile per tutti!   Se si osserva la data, è il 14 Novembre 2015. Credo che anche solo la data basti, innanzi ai fatti di Parigi successi ieri, a rispondere.

[Continua a leggere…]

Il potere è spirituale

“In tutte le civiltà umane il potere è esercitato essenzialmente da tre figure: il re (potere politico), il sacerdote (potere spirituale) e il profeta, o sciamano o stregone (potere carismatico, culturale, della libera creatività). Oggi, nella nostra società, il re è schiavo del mercante; il sacerdote o fa buoni affari con i potenti o è messo fuori gioco; e il profeta o si vende al migliore offerente, oppure, se non vende, e non si vende, è fatto fuori, oppure si fa fuori da solo, oppure si inventa, come speriamo, delle forme inedite di insurrezione. Potremmo anche dire che il cielo dei veri poteri spirituali, e cioè del pensiero creativo, oggi sia come vuoto, e la terra, abbandonata in mano ai predoni, sia desolata”.

Pubblichiamo il video della conferenza “Il potere è spirituale”, tenuta da Marco Guzzi a Misano Adriatico il 9 ottobre 2015.

A seguire il dibattito.

Buona visione e buon ascolto!