Auguri Marco!

Tra caso, casaccio e contingenza: dov’è il senso?

Le cose non vengono mai da sole. Neanche il caso. In genere si appaia con la necessità, o forse, lo faceva un tempo. Ora sta cambiando abitudini. Pare che i due siano più propensi ad amalgamarsi intimamente, al punto da lasciare emergere la contingenza, quel microambiente pieno di interconnessioni da cui vediamo fiorire i fenomeni. [Read more…]

Tracce di Darsi Pace, in Dostoevskij

Chi ama i libri sperimenta presto la sensazione di essere come Pollicino: in letture diverse incontriamo richiami e suggestioni comuni, assonanze e coincidenze: allora la pagina si illumina, cogliamo un senso più ampio e profondo del testo, facciamo una piccola gioiosa esperienza di una possibile coesione del mondo. [Read more…]

Ottobre 1999: iniziano i Gruppi Darsi Pace


L’intervista a Marco Guzzi che pubblichiamo risale al 14 ottobre 1999.

Due giorni dopo Marco avviava i Gruppi Darsi Pace, che allora si articolavano in due prime annualità, una che si svolgeva il sabato pomeriggio, e una la domenica. [Read more…]

La scelta

Non credo. Credo. Non mi interessa

Il nostro lavoro di ricerca si apre sin dal primo incontro con una chiara descrizione degli intenti che verranno perseguiti.

Darsi pace è un cammino di iniziazione cristiana.

Sul senso di queste parole potremmo parlare per anni, ora però osserviamone  solo un micro-aspetto,            ( micro perché ce ne sarebbero ancora talmente tanti che…….) [Read more…]

Nuove figure di santità

Verso una nuova centralità contemplativa

Prende avvio lunedì prossimo, 13 marzo, e proseguirà per altri tre lunedì (20-27 marzo, 3 aprile) il corso universitario tenuto a Roma da Marco Guzzi, presso il Claretianum (Istituto di Teologia della Vita Consacrata dell’Università Lateranense).

I quattro cicli di lezioni si svolgeranno dalle ore 16 alle 18.30, in Largo Lorenzo Mossa 4.

E’ ammessa la partecipazione gratuita di uditori esterni (info per prenotazioni: 06.98376722)

Qui di seguito lo schema del Corso:

  [Read more…]

Il tempo dello sfinimento

Reduce dal seminario di approfondimento con Marco, sono alle prese con la solita tempesta che ne segue. Il tema era ‘La parola’, e non ho scritto a caso la parola reduce; uscire da questi incontri è un po’ come tornare dalla guerra: una battaglia di idee e sentimenti che lottano per trovare la loro strada verso un’armonia compiuta.  [Read more…]

Vivere, davvero. Cos’è la vita, se vale, se vale sempre

A prescindere da tante fredde “battaglie per i diritti”, non so se c’è chi può davvero sentirsi sollevato, da come si è tragicamente conclusa questa triste vicenda del Dj Fabo. Di come una società civile non abbia di meglio da proporre che una uscita anticipata dal gioco a chi soffre un disagio, sia pure un disagio enorme. Credo sia piuttosto un caso in cui perdiamo tutti, a prescindere dalle nostre idee sul fine vita, o sulla vita in generale. E in momenti come questi, non ritengo utile dare giudizi, tranciare sentenze. Sarebbe comunque ingannevolmente facile, vivendo in una condizione diversa. No. Non è questo il mio punto.

Il dolore umano è “sacro”. Ed è una domanda aperta, per tutti. [Read more…]

La novità cristiana, rispetto alla natura umana, alla legge antica, alle culture


Pubblichiamo il video della conferenza tenuta da Marco Guzzi in occasione del ritiro spirituale per i presbiteri della Diocesi di Cremona.

L’evento si è svolto il 1 dicembre 2016 ed è stato introdotto da S.E. Antonio Napolioni, Vescovo di Cremona.

Buona visione!

Chi mi consola?

“Per lo psicologo transpersonale Burgental il nostro problema consiste nel fatto che cerchiamo sempre il nostro sé all’esterno, nelle conferme esterne, nei successi esterni, nella sicurezza esterna. Ma “la nostra patria è all’interno. E là siamo sovrani. Finché noi non riscopriremo questa verità antica – e ciò ognuno per sé a proprio modo – siamo condannati a vagare e a cercare consolazione là dove non esiste: nel mondo esterno” (Autostima e accettazione dell’ombra, Anselm Grün) [Read more…]